La Vostra Sicurezza è la Nostra Professione
 
Servizio di Antitaccheggio - Antifurto e Antirapina - Vigilanza Beni Mobili

Il servizio di Antitaccheggio ha l’obiettivo di sorvegliare l’incolumità dei beni esposti al pubblico, limitare i furti, scoraggiare i malintenzionati e garantire la sicurezza della struttura.

Il personale di sicurezza sarà munito delle relative autorizzazioni e seguirà la politica aziendale del cliente, affinché non si creino situazioni di disagio.

Il servizio antitaccheggio può essere erogato ovunque, anche con orari spezzati e spostando gli operatori da un punto vendita all'altro, previa pianificazione con il committente.

Il servizio antitaccheggio ha lo scopo di contrastare il taccheggio e le conseguenti differenze inventariali con un’attività finalizzata a prevenire il furto e/o il danneggiamento dei beni stessi.

Il servizio di antitaccheggio si concretizza nella sorveglianza mediante osservazione, sia di persona che con impianti di videosorveglianza, dei beni esposti alla pubblica fede.

Visto lo scopo di esprimere deterrenza il servizio antitaccheggio è solitamente espletato in uniforme e con l’arma ma, per particolari esigenze e per specifici servizi richiesti dal Cliente, il servizio può essere espletato in borghese, con il distintivo esposto e l’arma dissimulata, ovvero in forma disarmata, previa autorizzazione del Questore.

Naturalmente le Guardie di Città addette al servizio antitaccheggio potranno anche svolgere, su richiesta del cliente o ad un orario stabilito ( come ad esempio in fase di chiusura ) il servizio antirapina in prossimità delle casse.

Modalità di esecuzione del servizio e dell' intervento in caso di taccheggio

Le Guardie di Città addette al servizio osservano il comportamento dei clienti nell’esercizio commerciale al fine di prevenire il taccheggio, effettuando i controlli del caso dopo che l’osservato supera la barriera cassa, verificando la rispondenza dello scontrino con la merce posseduta dal cliente fermato, su segnalazione del sistema antitaccheggio o a seguito di osservazioni sue o di altro personale ed una volta controllate eventuali anomalie, procede di concerto con il direttore della struttura alle contestazioni del caso redigendo lo specifico rapportino d’intervento secondo le procedure previste.

Nel caso di fondato sospetto circa un possibile furto, perché gli allarmi hanno suonato o perché la Guardia Giurata ha visto movimenti repentini, poco equivocabili, del furto di un bene; al passaggio delle casse (fino alle casse si ha la possibilità di pagare) ed in prossimità dell’uscita, le Guardie di Città hanno il dovere di controllare. Non è una facoltà, come quella di chiedere gentilmente di vedere lo scontrino o la busta a campione, a cui il consumatore si può tranquillamente rifiutare, ma un obbligo previsto dal Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza secondo il quale, a norma dell’art. 133 e 134, le guardie giurate sono destinate “alla vigilanza o custodia delle proprietà mobiliari od immobiliari”. Il termine vigilare significa proprio “stare attento” ed è pacifico allora che una G.P.G. non può non effettuare una legittima operazione di controllo sulla persona e sulle cose da essa trasportate (es. le borse), al fine di verificare se questa abbia il possesso di un bene sottratto illecitamente e sottoposto alla vigilanza delle Guardie di Città.

Richiedi preventivo
Per maggiori informazioni
Ragione Sociale
Nome e Cognome*
Telefono*
Email*
Richiesta*

CONSENSO INFORMATIVA
Accetto le condizioni sulla Privacy Policy
Digita il testo sottostante